Final Eight: la coppa va all'Asti

Nel Femminile l’Italcave Real Statte batte Montesilvano, Under 21 alla Lazio
02.03.2015 09:48 di Alessandro Pizzuti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Divisione C5
Final Eight: la coppa va all'Asti

Doppietta Asti. Dopo la Winter Cup, la formazione Orange batte ancora una volta in una finale il Pescara e si aggiudica la30^ edizione della Coppa Italia. Un epilogo della Final Eight emozionante, con i Delfini di Colini che hanno più volte accarezzato il sogno di conquistare il primo trofeo della loro storia ma che si sono arresi, nel secondo tempo supplementare, al gol di Fortino a 20'' dalla sirena. Che ha consentito alla squadra di Tiago Polido di ricucirsi sul petto quella coccarda tricolore conquistata nel 2012 a Padova.

Prima del fischio d'inizio, il presidente della Divisione Calcio a cinque Fabrizio Tonelli ha donato al presidente Massimo Parenti, per il terzo anno consecutivo, un assegno da tremila euro per aiutare l'Associazione genitori bambini emopatici (A.G.B.E.). Inoltre, nell'ambito dei progetti "I valori scendono in campo" del SGS e "Io Calcio a 5" della Divisione, è stato svolto il concorso scolastico “Gioco di squadra: il calcio... uno sport senza frontiere”, vinto dalla 5^ C della Scuola Primaria dell'Istituto Comprensivo Pescara 5 che si è aggiudicata la medaglia conferita dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per aver realizzato il miglior lavoro didattico inerente al tema. Tutto questo è stato reso possibile grazie al contributo dell'ufficio scolastico provinciale del Miur, della coordinatrice provinciale di educazione fisica Patrizia Tormenti, del coordinatore regionale del SGS Emidio Sabatini e del delegato provinciale Emidio Santacroce. E anche a quello del CR Abruzzo che, inoltre, sempre nell'ambito del progetto “Io Calcio a 5”, ha dato vita al festival delle scuole di calcio a 5, organizzato dal delegato regionale Alessandro Di Berardino con la collaborazione del professor Nicola Bianco, referente della Divisione per l'attività di base.

Le emozioni della Final Eight sono proseguite quando le due squadre - accolte da 2500 spettatori e dalla Vagaband, gruppo musicale che ha divertito e fatto cantare tutto il Pala Giovanni Paolo II - sono scese in campo. Sin dal fischio d'inizio la partita è bella, intensa e giocata da due squadre che dimostrano di meritare un palcoscenico di questo tipo. Il vantaggio del Pescara arriva al 8'47'', ed è un regalo di Wilhelm, che portando palla davanti alla sua linea di porta si fa soffiare il pallone da Rescia, autore dell'1-0. Il giocatore argentino, però, si riscatta 4' più tardi con un sinistro che non lascia scampo all'ottimo Tatonetti. Ma prima dell'intervallo il boato del Pala Giovanni Paolo II rimbomba di nuovo su Pescara. È PC, tornato dal Brasile dopo due anni (era presente nella finale scudetto persa nel 2011), a siglare il 2-1, tagliando in due a difesa e trafiggendo Putano con un destro dal limite. 

Doccia fredda nella ripresa per il Delfino. Al 6'18'', da azione da calcio d'angolo, Ramon calcia al volo e infila alle spalle di Tatonetti, poi Follador non perdona al 8'58'' dopo un'ingenuità della difesa. Passano meno di 2' ed ecco che arriva il pareggio, con una grande azione collettiva: ispirata sulla fascia sinistra da Ercolessi, palla all'angolo per Canal che serve al centro l'accorrente Caputo, per il quale è un gioco da ragazzi depositare in rete. La partita cambia al momento dell'espulsione di Duarte: 11'38'' sul cronometro, passano altri 12'' e il Pescara, in superiorità numerica, trova il 4-3 con Canalche appoggia di piatto un rigore in movimento. Ma per i titoli di coda c'è ancora tempo. A 3' dalla fine Polido inserisce Follador portiere di movimento: mossa azzeccata, perché dopo un continuo possesso palla arriva il pareggio con Jonas.

Si va ai tempi supplementari, dove l'Asti rimedia la seconda espulsione. Stavolta a farne le spese è Ramon, reo di aver preso il pallone con la mano nel tentativo di fermare Salas. Rosso e tiro libero, sbagliato però da Canal. Ma è il preludio al gol, che arriva a 57'' dallo scadere del primo tempo: in superiorità numerica, triangolo perfetto Canal-PC-Ercolessi, con quest'ultimo che fa esplodere il Pala Giovanni Paolo II. Il pareggio arriva nel secondo tempo, quando, con Follador portiere di movimento,Fortino trova il 5-5. Polido insiste con il 5° uomo senza trovare la via del gol, e quando lo spettro dei rigori sembra essere sempre più vicino ecco spuntare ancora una volta Fortino, autore della rete che manda l'Asti in estasi.