Handball, il beach spopola a Losanna

30.07.2015 13:28 di Alessandro Pizzuti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Figh
Handball, il beach spopola a Losanna

Due match spettacolari. Gli applausi del Presidente del Comitato Olimpico Internazionale, Thomas Bach. Il Beach Handball colpisce nel segno a Losanna, in occasione dell’evento di esibizione organizzato dalla IHF (International Handball Federation) il 16 Luglio scorso all’interno del Parco Olimpico del CIO a Losanna, in Svizzera.

L’obiettivo era mostrare il Beach Handball ai vertici del Comitato Olimpico Internazionale, coinvolgendo fra i 32 atlete e atleti migliori del mondo, creando un momento ad alto tasso di spettacolarità che, di fatto, anticipa la 128esima sessione del CIO a Kuala Lumpur, in Malesia, in occasione della quale sarà ratificato l’inserimento del Beach Handball tra le discipline degli YOG (Youth Olympic Games) di Buenos Aires 2018.

La giornata del Beach Handball a Losanna, dunque, ma anche una giornata tinta d’azzurro. Perché al “Pierre de Coubertin Stadium” in campo c’erano le italiane Anika Niederwieser e Cristina Gheorghe, protagoniste della ‘fresca’ medaglia di bronzo europea conquistata dalla Nazionale femminile a Lloret de Mar, in Spagna, con la guida del tecnico Tamas Neukum, anche lui impegnato a Losanna come coach di una delle selezioni femminili.

A guidare la Delegazione Italiana a Losanna, su invito del Presidente della IHF, Hassan Moustafa, c’era il Presidente Federale, Francesco Purromuto: “Immenso orgoglio e grande soddisfazione per la presenza di ben due atlete e del nostro tecnico. Anika Niederwieser, Cristina Gheorghe e l’allenatore azzurro Tamas Neukum hanno rappresentato al meglio l’Italia del Beach Handball in questo storico appuntamento davanti al Presidente Bach, senza tralasciare che a guidare il settore internazionale del Beach Handball c’è l’italiano Giampiero Masi. Per me tale riconoscimento significa che la FIGH ha ben lavorato e ben puntato su di una disciplina peraltro nata nel nostro Paese grazie alla bravura di quei tecnici che hanno tracciato le prime regole. Quanto vissuto a Losanna certamente aggiunge valore alle 7 medaglie conquistate dal 2004 a oggi nelle più prestigiose competizioni internazionali”.

“Un grande passo nel percorso olimpico”, è la sintesi di Tamas Neukum all’esito di una giornata importantissima. “È stato un momento fantastico, organizzato al meglio. Sono assolutamente orgoglioso di averne fatto parte. Tutti gli atleti coinvolti hanno dato vita a due match spettacolari, all’insegna del fair play e, al tempo stesso, mettendo in campo grande agonismo e voglia di vincere. Credo, poi, sia stato un momento di enorme e doveroso prestigio per il Beach Handball italiano, con la presenza di due giocatrici e di un tecnico, poiché si tratta di un indubbio riconoscimento dei risultati raggiunti negli ultimi 10 anni”.

L’entusiasmo di Anika Niederwieser: “Stiamo vivendo un momento magico. Prima la medaglia di bronzo agli Europei in Spagna, adesso questo match di esibizione a Losanna, al CIO, con le migliori giocatrici del mondo. Sono contentissima, molto emozionata ed estremamente orgogliosa di aver rappresentato l’Italia nell’élite del Beach Handball”. Le fa eco Cristina Gheorghe: “È stata un’emozione incredibile poter scendere in campo in un evento così prestigioso. A Losanna eravamo insieme alle più forti giocatrici già affrontate agli ultimi Mondiali di Brasile 2014 e, più di recente, agli Europei 2015 in Spagna, dove siamo salite sul podio. È stato qualcosa di magico e sono assolutamente orgogliosa aver potuto rappresentare l’Italia”.