Giuliana Salce, dalla marcia al tetro

La campionessa del mondo di marcia di racconta in una piece teatrale in scena a Ostia Antica
14.11.2016 12:42 di Massimiliano Morelli Twitter:    Vedi letture
Giuliana Salce, dalla marcia al tetro

Due serate all’insegna del teatro, dello spettacolo, dello sport: sono quelle in programma venerdi 16 e sabato 17 dicembre al laboratorio teatrale “Lo Scariolante” di piazza Gregoriopoli 2, Ostia Antica, dove va in scena “Giuliana Salce-Frammento di una vita”, piece teatrale scritta a quattro mani da Paolo Marchetti (che cura anche la regia dello spettacolo) e Giuliana Salce, marciatrice di livello mondiale (fra gli altri un oro iridato e due argenti, mondiale ed europeo) e atleta inclusa nella Hall of Fame dei migliori italiani stilata dalla Fidal.
Lo spettacolo vede in scena anche Annalisa Fabbri, Elena Astuti, Jessica Splendori, Simona De Dominicis,Cesare Presutti, Fabio Splendori, Mauro Quercia, Donato Garonna, Gabriele Orecchini e Paolo Marchetti, mentre i suoni e le luci sono affidati ad Agnese Quercia. Il sipario si apre alle 20 e 30 il 16 dicembre, alle 16 e 30 il giorno successivo.
“La passione vera per il teatro è nata in seguito a un infortunio sul lavoro risalente a un anno – spiega Giuliana Salce – mentre l’idea di mettere nero su bianco la mia vita, incorniciata da mille e più episodi più o meno piacevoli è nata subito dopo, anche se da sempre avevo pensato di raccontarmi in qualche maniera, senza enfasi, ma con molta umanità”. “E’ un racconto di vita – spiega ancora la marciatrice azzurra – che vorrei lasciasse un messaggio forte, ovvero che nonostante i momenti neri di un’esistenza, si può sempre tornare a vedere la luce così come è accaduto a me”.