VERSIONE MOBILE
  Venerdì 19 Dicembre 2014  
PALLAVOLO
QUALE SPORT VORRESTI VEDERE NELLE NOSTRE NEWS
  
  
  
  
  
  
  

PALLAVOLO

Macerata Campione

22.04.2012 21:25 di Alessandro Pizzuti  articolo letto 848 volte
Fonte: Qn

Trento abdica, Macerata torna sul trono del volley. Al termine di una finale da elettrochoc, la Lube conquista il suo secondo scudetto dopo quello 2006. In più di 11.210 al Forum di Assago assistono a una partita di rara intensità agonistica. Il 2-3 che premia la Lube  (25-19, 25-12, 22-25 ,18-25, 20-22) suggella la strepitosa rincorsa marchigiana dopo un avvio ribaltato rispetto alla Coppa Italia persa a Roma coi campionissimi di Trento. Allora 2-0 per i biancorossi (oggi in maglia blu, poi 3-2 per Trento. Oggi copione rovesciato e una partita infinita che la Lube, nonostante 38 errori punto - una marea, 12 più deglòi avversari - ha saputo interpretare con forza, agonismo e intelligenza tattica. L'ultimo punto è stato un errore arbitrale: la schiacciata di Kazyski era dentro, gli arbitri l'hanno data fuori. Ma le proteste sono durate un attimo e poi sono finite lì. Le due tifoserie hanno visto insieme la premiazione, i giocatori si sono abbracciati. L'ennesima lezione di civiltà dal grande popolo del volley.
CORSI E RICORSI -  Il protagonista dello scudetto Lube 2006 fu il serbo Ivan Miljkovic. Il protagonista di oggi è il croato Igor Omrcen: alla sua prima finale e alla sua ultima partita in maglia Lube prima di trasferirisi in Giappone, ha impresso il suo marchio al tie-break e dato un contributo fondamentale alla vittoria. Ma il miglior giocatore del V-Day è stato Jiri Kovar, tecnicamente riserva di Savani, ma che - subentrato al titolare - ha impressionato e deliziato la platea per una decina di palloni gestiti con tecnica mostruosa e intelligenza sopraffina. Un potenziale convocato per Londra 2012. 
SQUADRE VERE - Kovar, che pallavolisticamente è italianissimo, non è stata l'unica riserva a fare fuoco e fiamme. Anzi, la finale è stata caratterizzata dal ricorso di entrambi gli allenatori a panchine lunghe e profonde. Il bulgaro Sokolov, entrato al posto di Stokr, ha annullato match ball su match ball e per poco non faceva vincere Trento, menomata nel finale da un infortunio alla caviglia a Juantorena. Il cubano, che pure l'anno prossimo giocherà in Russia coi campioni d'Europa del Kazan, ha rifiutato il cambio e Stoychkov ha applaudito la scelta. Ma anche Macerata, per risalure, ha pescato a lungo in panchina cambiando Posdrascanin con Pajenk. Ben fatto, perché Podrascanin, rientrato nel tie-break, è stato decisivo al pari di Stankovic e Travica (tutti al primo scudetto), Parodi e il libero Henno (al secondo titolo, dopo quello vinto con Cuneo nel 2010).
PROFETA IN PATRIA - Anche quella volta a rovinare la festa della corazzata Trento fu Alberto Giuliani, il tecnico maceratese che ora è ufficialmente diventato profetta in patria. Per Trento, che oggi saluta il g.m. Cormio (uno dei tre marchigiani in squadra, con Birarelli - mai domo e secondo scorer di Trento -, Bari e Della Lunga) non è la fine di un ciclo, solo una salutare pausa per mantenere la fame dopo le vittorie nel Mondiale per Club e in Coppa Italia. Molti protagonisti della sfida si ritroveranno martedì alle 18.30 al Paladeandrèdi Ravenna per il Bovolenta Day, in onore dell'azzurro recentemente scomparso. E sarà un'altra festa di chi vuol bene alle schiacciate.


Altre notizie - Pallavolo
Altre notizie
 

VINCONO TUTTE LE GRANDI

Non mutano gli equilibri delle classifiche dei tre gironi che dividono la penisola, l’undicesima giornata della Serie A Maschile. Nel Girone A il Bozen prosegue la sua marcia vincente facendo suo anche il derby in casa del Forst Brixen: 30-24 (p.t. 15-14) in favore della sq...

MODENA NELLA STORIA

Modena continua a scrivere importanti pagine di storia: vince la nona gara consecuvita, si conferma imbattuta in vetta alla...

GABBIADINI MIGLIOR CALCIATRICE D'ITALIA

La numero otto dell’Agsm Verona e della Nazionale Azzurra è stata premiata questo lunedì a Milano quale...

SEI NAZIONI, GIÀ 20 MILA PER ITALIA- IRLANDA ALL'OLIMPICO

Lo Stadio Olimpico di Roma è pronto a tornare a respirare, per il quarto anno, l’atmosfera inimitabile...

LAZIO VINCENTE SUL BOGLIASCO

Al Palazzetto finisce 14 a 9 per le aquile che volano in classifica. Quarto risultato utile consecutivo e settimo posto in...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 19 Dicembre 2014.
   Palla News Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.