Settebello mondiale

28.07.2019 10:22 di Alessandro Pizzuti Twitter:    Vedi letture
Fonte: fanpage
Settebello mondiale

Il Settebello è d’oro. L’Italia della Pallanuoto travolge la Spagna e per la quarta volta nella sua storia è campione del mondo. Una finale bellissima che gli azzurri hanno dominato sin dall'inizio. La squadra guidata da Sandro Campagna torna sul tetto del mondo dopo otto anni.

La finale dei Mondiali di Pallanuoto 2019
Un anno fa si sfidarono nella finale del 3° e 4° posto degli Europei, vinse la Spagna sul filo, e non senza polemiche. Ma quando si affrontano Italia e Spagna nella Pallanuoto si pensa sempre alla stupenda finale delle Olimpiadi del 1992, che gli azzurri conquistarono dopo i supplementari. In Corea c’è stato il trionfo del Mediterraneo sui paesi balcanici e dell’Est, la Spagna ha eliminato Serbia e Croazia, mentre l’Italia in semifinale ha buttato fuori l’Ungheria (che ha chiuso al quarto posto). La nazionale spagnola è una macchina da gol, quella guidata da Sandro Campagna è organizzatissima e fa della difesa la sua forza. Pronti, via e gli azzurri trovano il vantaggio con Luongo, Perrone fa 1-1, con una bomba di Gonzalo Oscar Echeniche gli azzurri tornano avanti, altro pari spagnolo, sempre con Perrone. La ‘Roja’ sbaglia un rigore e poi viene travolta nel secondo quarto: prima dal bolide di capitan Figlioli, poi Dolce piazza il poker, che produce il primo break dell’incontro, e mette il suo nome nel tabellino anche Renzuto Iodice che porta l’Italia avanti di tre reti, prima della fine del secondo quarto su rigore gli spagnoli accorciano, 5-3.


Il trionfo dell’Italia con la Spagna
Troppo forte l’Italia, che demolisce la Spagna nel terzo quarto: il bomber Aicardi, che c’era anche nel 2011 a Shanghai, quando gli azzurri divennero campione del mondo, con un gesto tecnico strepitoso porta l’Italia sul 6-3. Poi c’è un altro gol di Dolce che precede la cavalcata solitaria di Di Fulvio, 8-3! Campagna chiede ai suoi di stare tranquilli, il vantaggio è enorme, perché la partita non è finita. In realtà lo è, la Spagna non può recuperare, l’Italia vince 10 a 5 e conquista il titolo Mondiale per la quarta volta. La festa inizia ancora prima della fine, poi tutti in vasca, compreso l’artefice del successo il c.t. Campagna, con tutto il suo staff.